15. August 2017 · Kommentare deaktiviert für Migranti, Ue: „Se l’Italia farà richiesta pronti a valutare rafforzamento piano Triton“ · Kategorien: Italien, Libyen · Tags: , , ,

La Repubblica | 15.08.2017

Frontex: a luglio arrivi calati del 57%. Piano del Viminale per sostituire le barche delle Ong. Papa: accoglienza „opportunità di crescita“. Libia respinge accuse di „minacce“ alle navi delle organizzazioni umanitarie. „E‘ una grave offesa“, dichiara a Repubblica l’ammiraglio Abdullah Tumia, comandante della Guardia costiera di Tripoli

Le Ong si ritirano dall’operazione di salvataggio dei migranti nel Mediterraneo. Dopo essersi divise sulla sottoscrizione del codice di condotta posto loro sul tavolo dal Viminale, a rendere tutto più difficile sono ora le minacce subite dalla guardia costiera libica e l’annuncio di Tripoli di voler creare una zona Sar molto ampia, ben oltre le sue acque territoriali, nella quale sarebbe possibile operare solo dietro sua autorizzazione. Così, „in attesa di capire se ci sono le condizioni di sicurezza“, anche Save the Children, dopo Medici Senza Frontiere e Sea Eye, ha deciso di sospendere le operazioni. Si tratta per ora di una pausa, il tempo necessario per valutare se i pattugliamenti della marina libica in acque internazionali siano compatibili con la loro missione umanitaria. Frontex: calano del 57 per cento a luglio gli arrivi di migranti in Italia è il livello più basso dal 2014 per questo mese.

Il vuoto in mare lasciato dai vascelli delle organizzazioni non governative non preoccupa il ministero dell’Interno, che guarda con soddisfazione al risultato: il flusso dei migranti si è temporaneamente placato: nel mese di luglio il numero dei migranti sbarcati in Italia attraverso il Mediterraneo è sceso del 57 per cento rispetto al mese precedente (10.160), il livello più basso dal luglio del 2014. Dal primo gennaio 2017 a oggi, 14 agosto, sono sbarcati in Italia 97.293 migranti, -4,15 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno quando le persone arrivate furono 101.507, riferisce il Viminale.

Secondo Frontex sono „diversi“ i fattori che hanno contribuito a questa diminuizione: le peggiori condizioni del mare nella prima metà di luglio, gli scontri vicino a Sabrata in Libia e la presenza della Guardia costiera libica che ha scoraggiato i trafficanti di uomini. A luglio i migranti sono arrivati soprattutto da Nigeria, Guinea, Eritrea, Sudan e Mali. In totale a luglio sono stati 15.400 gli arrivi illegali dei migranti nel Mediterraneo.

„Se gli arrivi dovessero riprendere in modo intenso – ragiona una fonte qualificata vicina al ministro Minniti – chiederemo alle missioni europee Sophia e Triton, e ai mercantili di passaggio, di aiutare la Guardia costiera nei soccorsi. Esattamente come avveniva prima dell’arrivo delle navi umanitarie nel Mediterraneo“. Prima, dunque, che le Ong si facessero carico del salvataggio di 46.796 profughi nel 2016 (il 38 per cento del totale) e di 12.646 nei primi mesi del 2017 (circa il 35 per cento). Ed era stata proprio la loro presenza di fatto a permettere alle navi militari di Triton e Sophia di tenersi lontane dall’area „Search and Rescue“.

Dalla Commissione Ue, disponibilità a valutare un rafforzamento della missione Triton per assecondare una richiesta italiana. „Le necessità del piano operativo dell’operazione Triton sono concordate con le autorità italiane – ricorda una portavoce – e gli attuali livelli“ delle risorse „impiegate corrispondono ai bisogni, così come identificati dalle autorità italiane. Tali livelli vengono sempre monitorati e aggiustati alla situazione, se necessario. Se l’Italia dovesse fare richiesta“ di rafforzamento „l’Agenzia li valuterà“.

Da Save The Children, è il direttore della comunicazione Filippo Ungaro a spiegare a Repubblica: „Siamo momentaneamente fermi a Malta perché l’annuncio del governo libico contro le Ong ci ha preoccupati molto. Il nostro imperativo è riprendere i soccorsi appena possibile e magari, in un futuro, lavorare anche nei campi profughi in Libia. Ma al momento non ci sono le condizioni di sicurezza per operare. Né in mare né sulla terraferma. Noi ci atteniamo ai fatti, non vogliamo fare politica. Abbiamo la piena volontà di continuare a salvare vite umane. Ma è una questione di sicurezza e di efficacia nella ricerca e nei salvataggi. Ci devono essere giuste condizioni, che al momento mancano. Con queste regole e le minacce dei libici, c’è il rischio di stare in mare senza riuscire a fare nulla. Inoltre, è inaccettabile che queste persone in fuga rimangano intrappolate nei mostruosi centri di detenzione in Libia“.

Per contro, la Libia respinge l’accusa di „minacce“ nei riguardi delle organizzazioni umanitarie. „Nessuno li ha minacciati, è una grave offesa dire questo – replica ancora attraverso Repubblica il comandante generale della Guardia costiera libica, ammiraglio Abdullah Tumia -. Le Ong non rispettano la nostra legge, le nostre direttive. Fino ad ora hanno offerto un servizio eccellente ai trafficanti, un aiuto perfetto: le loro navi non fanno salvataggio, loro fanno trasporto, trasbordo diretto dei migranti. Il vero problema con le Ong è che noi stiamo tentando di interrompere la certezza del traffico di migranti. Se i trafficanti che sono a metà della catena non hanno la certezza della consegna finale del loro carico di essere umani, la catena dei pagamenti si interrompe. E infatti in queste ultime settimane in traffico si è ridotto“.

„Noi – prosegue l’ammiraglio – abbiamo dichiarato la nostra zona Sar, abbiamo detto che la pattugliamo e chi vuole entrare deve coordinarsi con noi. Chi vuole entrare in Libia deve chiederlo a noi, non ai trafficanti. A volte abbiamo sparato in aria per far capire chi siamo. Se i migranti si agitano i barconi si capovolgono, se si agitano perché vedono una nave di Ong e una motovedetta è ancora peggio. Non c’è nessuna minaccia alle Ong, solo la richiesta di rispettare la nostra legge“.

Quello che invece chiede papa Francesco è „un impegno sempre più generoso nel favorire la cultura dell’accoglienza e della solidarietà, promuovendo così la pace e la fraternità tra i popoli“. Questo si legge nel messaggio indirizzato dal Pontefice ai partecipanti all’incontro internazionale Mediterraneo: un porto di fraternità, promosso dalla diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca, al quale hanno preso parte 250 giovani di 31 Paesi e con la partecipazione della Cei, Caritas Italiana, Pax Christi, Focsiv e Migrantes.

Nel messaggio, inviato al vescovo locale, Vito Angiuli, il Papa incoraggia la comunità cristiana e i giovani dei Paesi mediterranei, „come pure tutte le persone di buona volontà, a considerare la presenza di tanti fratelli e sorelle migranti un’opportunità di crescita umana, di incontro e di dialogo, come anche un’occasione per annunciare e testimoniare il Vangelo della carità“. Il Papa elogia dunque l’iniziativa che sfocerà nella firma della „Carta di Leuca“, documento con il quale i giovani presenti all’incontro chiedono ai potenti della Terra di promuovere la pace, mettere al bando le armi e impegnarsi concretamente per l’apertura di corridoi umanitari per le popolazioni che fuggono dalla guerra.

Ähnliche Beiträge

Kommentare geschlossen.