26. Juni 2018 · Kommentare deaktiviert für LIFELINE: Verhandlungen auf EU-Ebene · Kategorien: Deutschland, EU, Italien, Libyen, Malta, Spanien · Tags: , ,

Aufgrund des Drucks vieler Städte, Regionen und eines Staats – Portugal – , die die über 200 Boat-people des NGO-Rettungsschiffs LIFELINE aufnehmen wollen, konnte die maltesische Regierung erfolgreice Verhandlungen mit den EU-Repräsentanten Tusk und Juncker sowie mit Kanzlerin Merkel aufnehmen. Die positiven Ergebnisse gelangten heute nachmittag in die Medien. Laut italienischer Presseberichte wurden die Lorbeeren falsch zugeteilt: Den Durchbruch erzielten weder Macron noch der Papst noch der italienische Regierungschef Conte. Doch das Feilschen um genaue Übernahmezahlen soll nach italienischen Medienberichten weiterhin anhalten: Die Regierungen Deutschlands, der Niederlande und Spaniens blockieren im Moment die Anlandung der LIFELINE in Malta. Eine herausragende Blockierer-Rolle soll der deutsche Innenminister Horst Seehofer spielen.

The Independent | 26.06.2018

Portugal has offered to take in some of the more than 200 migrants aboard a rescue ship which has been idling for days in the Mediterranean Sea without a port to pull into.

The center-left Socialist government says it will know how many people it will accept from the ship operated by German group Mission Lifeline if the ship docks in Malta, a destination Italy’s premier announced on Tuesday. Portuguese Internal Administration Minister Eduardo Cabrita tells lawmakers that migrants on the ship will be assigned to „several countries“ in the European Union.

Earlier, the Maltese government said four nations had accepted to take a number of migrants who are currently stranded on board the MV Lifeline 25 miles off Malta.

It is understood that these four countries are Malta, France, Italy and Spain.

„The diplomatic effort by the Prime Minister of Malta Joseph Muscat as well as the European institutions is leading to an ad hoc agreement to distribute the migrants on board the MV Lifeline amongst a number of willing member states,“ the statement said.

„Four member states have already confirmed their participation, while another two are evaluating the case,“ the government said in a statement issued at 4pm.

In the case that the vessel enters Maltese ports, there shall be investigations and possible action taken in regards to the MV Lifeline, which ignored instructions given in accordance to international rules by the Italian authorities, which led to this situation, the statement said.

In a tweet, Mission Lifeline said it had been told that it does not yet have permission to enter Maltese waters.

Rai Uno said on Tueday evening that a Malta goverment spokesman said that the government is still to decide which port the ship would berth at, if allowed to enter the country.

Italy is pushing for the migrants to be brought to Malta, with both Prime Minister Giuseppe Conte and Interior Minister Matteo Salvini indicating that this is a victory for Italy.

But Malta is still to officially allow the ship to berth, and has imposed a number of conditions, including the distribution of the migrants among six countries.

A first official statement issued this morning at around 11am said Prime Minister Joseph Muscat has over the past 48 hours led a diplomatic effort to try to find a solution for the case of the MV Lifeline, which was caused by the actions of its captain who ignored instructions given in accordance with international rules by the Italian authorities. The efforts by Malta are without prejudice to Malta’s position at international law.

„This effort has two facets: the first is to prevent escalation into a humanitarian crisis by means of the sharing of responsibility by a number of willing member states.

„The second is to carry out investigations and explore actions that can be taken with regard to the actions of the said vessel.

„The Government of Malta would like to thank the President of the European Council and the President of the European Commission for their assistance in this effort, which is ongoing,“ the statement said.

Although the government stopped short of saying it will allow the ship to dock in Malta, and no final decision on this has been taken, this statement is taken to mean that if the conditions are met, the Maltese government could allow the ship to enter Malta.

Following this announcement, Spain’s prime minister said his country is prepared to be part of a European response to the plight of a German-operated migrant aid ship, but isn’t specifying whether it will allow the vessel to dock. Italy Premier Conte also said Italy will take some of the migrants aboard German rescue ship stranded off Malta.

Earlier this month, Spain took in 630 migrants from the French aid ship Aquarius after Malta and Italy refused it access. A similar situation has now arisen with a ship operated by the German aid group Mission Lifeline, which has been stuck off Malta since Thursday with 234 migrants aboard.

Spanish Prime Minister Pedro Sanchez was asked during a visit to Berlin Tuesday whether Spain would offer safe harbour. He replied that „Spain will be in the common answer that we give, in this case, to the Lifeline ship but it has to be common, it has to be European, it has to be from various countries.“

Italian Premier Giuseppe Conte also says Italy will take some of the migrants onboard the rescue ship run by the German group Mission Lifeline.

Conte said in a statement Tuesday that he made the pledge in a call to Muscat. He added that he hoped that other EU countries would follow suit.

Conte was reported to have said that the vessel will dock in Malta while Italian Home Minister Matteo Salvini also said that the vessel will not be taken to Italy, but to Malta. But no final decision has been taken.

Mission Lifeline welcomed the news of the development as can be seen in below tweet.

The ship has been stranded off Malta for nearly five days after picking up the migrants in the Libya rescue zone between Libya and Lampedusa. Both Italy and Malta refused to let it in.

The possible solution to the standoff was discussed on Monday between French President Emmanuel Macron and Prime Minister Joseph Muscat, spokesman Benjamin Griveaux was quoted by Reuters as saying.

„A European solution may be to have the ship dock in Malta. It is the solution that seems to be shaping up at the moment,“ Griveaux told RTL radio without elaborating.

„France would then be ready to send a team there to study individual (asylum) requests,“ he said.

A sick passenger was evacuated to Malta from the Lifeline on Monday-Tuesday night by an AFM launch.

:::::

La Repubblica | 26.06.2018

Migranti, il colloquio segreto tra Conte e Macron che ha sbloccato il caso Lifeline

Il presidente francese conferma il colloquio. Si sono incontrati lunedì sera a Roma in maniera ufficiosa per risolvere la questione della nave

ROMA – Un colloquio di 90 minuti per risolvere il caso della nave Lifeline. A quanto si apprende ieri il premier italiano Giuseppe Conte e il presidente della Repubblica francese, Emmanuele Macron, si sono incontrati a Roma per parlare di migranti. L’incontro si è svolto alla Casina Valadier lunedì sera, prima della visita del capo di Stato francese al Papa.

Un incontro che avrebbe sbloccato la situazione della nave che da giorni si trova in mare con 234 migranti a bordo. Questa mattina Conte ha infatti annunciato: „Ho appena sentito al telefono il presidente Muscat: la nave della ong Lifeline attraccherà a Malta“. Il colloquio è stato confermato nel pomeriggio dal presidente francese che lo ha definito „uno scambio proficuo e interessante su come rispondere nella maniera più efficace possibile alla questione dei flussi“.

„Sono stato sollecitato dopo il nostro incontro di domenica dal presidente Conte – ha rivelato macron – I nostri protocolli si sono messi in contatto e si è convenuto che un incontro riservato fosse rispettoso nei confronti del Vaticano“. Secondo il capo dell’Eliseo, „è stato uno scambio privato, per questo non era in agenda. Teniamo molto a rispettare il protocollo e per rispetto quando si incontra il Papa e ci si reca in Vaticano questa visita non va confusa con una visita al governo italiano. Proprio per questo non era in agenda un incontro con il presidente della Repubblica italiana o con il presidente del Consiglio“.

Fonti maltesi però tengono a fare conoscere una ricostruzione diversa della questione e smentiscono che la situazione di impasse si sia sbloccata grazie all’incontro di ieri. Secondo La Valletta, il caso si sarebbe risolto grazie al confronto diretto fra Malta e le istituzioni europee. Nella trattativa sarebbe inoltre intervenuta anche la cancelliera tedesca Angela Merkel.

Il malessere maltese per la rappresentazione degli eventi trova conferma in una dichiarazione di Sandro Gozi. L’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all’Europa dice infatti: „Grazie al lavoro del governo maltese si sta trovando una soluzione umanitaria per i 234 migranti da giorni a bordo della nave Lifeline. Dopo il caso Aquarius, riguardo al quale dobbiamo ringraziare per la soluzione il nuovo governo spagnolo guidato da Sanchez, ancora una volta ci troviamo di fronte a una propaganda mediatica giocata sulla pelle di disperati in fuga da guerra e fame“.

Gozi critica „non solo Salvini, ma anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte che sembra più interessato alla „battaglia della comunicazione'“ anziché alla cura delle persone. Ancora con i negoziati in corso, Conte si è precipitato a fare comunicati mentre il governo maltese stava lavorando con altri paesi a risolvere il problema“.

Il dirigente del Pd alla fine fa anche un raffronto fra l’attuale gestione diplomatica della crisi e quelle dei governi precedenti: „In passato  – dice – la nostra cooperazione con La Valletta è stata sempre eccellente. Con aiuto reciproco e senza bisogno di provocare crisi. Oggi l’italia ha invece perso un’altra occasione per prendere l’iniziativa, lasciando spazio di azione diplomatica al governo maltese“.

:::::

Il Fatto Quotidiano | 26.06.2018

Lifeline: “Malta non ci autorizza a ingresso in acque territoriali”, Conte aveva annunciato l’attracco a La Valletta

Una storia senza fine e che riserva ogni ora colpi di scena. Quando sembrava che la destinazione della Lifeline potesse essere Malta e che i migranti a bordo potessero essere collocati in diversi paesi europei è arrivato un tweet della ong tedesca. Italia, Francia, Portogallo, oltre alla stessa Malta hanno dato il via libera all’accoglienza ma Germania, Olanda e Spagna non hanno ancora risposto. Macron: „Lifeline ha agito contro ogni regola“

Una storia senza fine e che riserva ogni ora colpi di scena. Quando sembrava che la destinazione della Lifeline potesse essere Malta e che i migranti a bordo potessero essere collocati in diversi paesi europei è arrivato un tweet della ong tedesca. “Alle 18 abbiamo ricevuto un messaggio da Malta che diceva che non ci è permesso entrare nelle acque territoriali. Pertanto, non possiamo confermare ciò che è stato diffuso finora dai media”. Ovvero che il premier italiano, Giuseppe Conte, aveva annunciato la svolta: “Ho appena sentito al telefono il presidente Muscat: la nave della Ong Lifeline attraccherà a Malta“. La notizia del braccio di ferro fra gli Stati europei per l’accoglienza dei migranti era finito. Un caso su cui è intervenuto anche Papa Francesco che ha ricevuto il presidente francese Emmanuel Macron. Ma l’ok della Valletta, come aveva specificato era vincolato alla condivisione di responsabilità da parte anche di altri Paesi europei, che si impegnano ad accogliere i migranti a bordo. Italia, Francia, Portogallo, oltre alla stessa Malta hanno dato il via libera, Germania, Olanda e Spagna erano in fase di valutazione. Ed è forse in questa valutazione che, sembra capire, qualcosa si è inceppato. Manceherebbe il sì dei tre paesi, in particolare della Germania, con il ministro dell’Interno della Csu, Horst Seehofer, che ha lasciato intendere che “il governo Merkel non salterà per i migranti”. Inoltre, fonti maltesi hanno diramato una ricostruzione diversa della questione e hanno smentito che la situazione di impasse si sia sbloccata grazie all’incontro fra Conte e Macron, avvenuto alla Casina Valadier lunedì sera, prima della visita del capo di Stato francese al Papa. Secondo La Valletta il caso si sarebbe risolto grazie al confronto diretto fra Malta e le istituzioni europee. E, nella trattativa, sarebbe intervenuta anche Angela Merkel.

Diversa la versione italiana. “Con il Presidente maltese – aveva proseguito Conte – abbiamo concordato che l’imbarcazione sarà sottoposta a indagine per accertarne l’effettiva nazionalità e il rispetto delle regole del diritto internazionale da parte dell’equipaggio. Coerentemente con il principio cardine della nostra proposta sull’immigrazione – secondo cui chi sbarca sulle coste italiane, spagnole, greche o maltesi, sbarca in Europa -, l’Italia farà la sua parte e accoglierà una quota dei migranti che sono a bordo della Lifeline, con l’auspicio che anche gli altri Paesi europei facciano lo stesso come in parte già preannunciato”.

Malta: “Ci sono già Paesi disponibili ad accogliere migranti” – Una prospettiva già anticipata poche ore prima da una nota del governo maltese. “Vogliamo evitare un’escalation della crisi umanitaria attraverso una condivisione di responsabilità da parte di alcuni stati volenterosi”, c’era scritto nel comunicato, nel quale si ricordava che il Paese ha guidato gli sforzi diplomatici delle ultime 48 ore per trovare una soluzione al caso, “provocato dalle azioni del capitano che ha ignorato le istruzione date sulla base delle regole internazionali dalle autorità italiane”. Capitano sul quale Malta ha annunciato l’apertura di un’inchiesta. In un comunicato stampa, il governo maltese ha parlato di sei Stati coinvolti nell’accordo di spartizione dei migranti ma secondo quanto scritto dal Times of Malta, quattro Stati dell’Ue – Italia, Malta, Francia e Portogallo – hanno confermato di essere disposti ad accogliere parte dei migranti salvati dalla nave Lifeline, mentre altri tre paesi – Germania, Paesi Bassi e Spagna – stanno ancora “valutando” il caso.

Macron: “Lifeline ha agito contro ogni regola”

E sempre fonti vicine al governo Muscat avevano specificato che almeno 5-6 paesi, tra cui Italia, Francia, Spagna e Malta sarebbero stati disponibili a ricevere i migranti della Lifeline. Il negoziato, condotto dallo stesso premier col sostegno di Tusk e Juncker e verso il quale “ci sono passi avanti”, sarebbe per ora limitato a questo singolo episodio, ma sarebbero in corso ulteriori trattative per il breve-medio termine. La Francia che oggi si era proposta come risolutrice nella vicenda Lifeline, per Salvini “fino ad oggi ha parlato ma ha combinato poco” e, a margine dell’Assemblea di Confartigianato all’Eur il vicepremier, ribadendo che “le ong non toccheranno più un porto italiano”, ha sottolineato che “quel gentiluomo di Macron“, oggi in visita a Roma, “sarà sicuramente in grado di accogliere tutti quelli che scappano. In searata proprio Macron ha rilasciato dichiarazioni in scia a quelle del governo italiano: “Lifeline ha agito contro ogni regola” e ha “fatto il gioco dei trafficanti” salvando centinaia di migranti al largo delle coste della Libia la scorsa settimana. “Non possiamo accettare in modo permanente questa situazione”, ha aggiunto ribadendo che la Francia è fra i Paesi che accetteranno alcuni migranti.

Toninelli risponde a Salvini: “Guardia costiera è autonoma” – Intanto il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli ha ribadito la linea dell’Italia: “Mi sembra scontato che se la nave Lifeline dovesse approdare in Italia debba essere sequestrata, ho dato mandato alla Guardia Costiera di intervenire”, ha dichiarato Toninelli a Radio Anch’io. “Poi se ci sarà un magistrato che voglia fare indagini ulteriori non spetta a me”. Il ministro ha quindi spiegato che “se dovesse sbarcare in Italia chiederemmo agli altri Paesi europei di ricollocarli”, poi ha specificato che l’Italia continuerà a salvare vite, ma la Guardia costiera italiana non può entrare in acque libiche. “La Guardia Costiera opera in condizioni di autonomia tecnico-giuridica, per cui non devo essere io a dire se deve rispondere oppure no agli Sos. La Guardia Costiera non può intervenire nelle acque libiche. Negli ultimi anni, anche per colpa delle scelte dei governi che ci hanno preceduto, la nostra Guardia costiera era costretta a intervenire su ‘chiamata’ delle navi ong o, addirittura, dai gommoni dei trafficanti“. E ai microfoni di Radio Anch’io ha concluso: “Noi non faremo morire nessuno. In caso di pericolo, come prescrive il diritto, la Guardia Costiera continuerà a intervenire, non servirà un mio ordine. La mia linea è la stessa del ministro Salvini con cui mi sento ogni giorno. La nostra è una battaglia comune“. Parole che precisano le dichiarazioni di ieri del vicepremier leghista, che in conferenza stampa ai giornalisti aveva detto come la competenza decisionale in merito alla Guardia Costiera fosse sua. Ma, come ha specificato lui stesso, sua non è. “Sono sempre d’accordo con Toninelli”, ha ribadito poi il vicepremier all’uscita dall’assemblea di Confartigianato.

Macron a Sant’Egidio – Prima di arrivare in Vaticano – con un ritardo di 23 minuti – il presidente francese Macron aveva incontrato il presidente della comunità di Sant’Egidio, Marco Impagliazzo, con una delegazione della comunità a palazzo Farnese. “Non siamo entrati in questioni politiche strette tra Italia e Francia, ma ci e stata espressa dal presidente Macron la volontà di risolvere i problemi legati ai flussi dei migranti a livello europeo”, ha detto Impagliazzo. “Abbiamo parlato delle soluzioni per la stabilizzazione dell’Africa, dello sviluppo dei paesi africani, di un piano di educazione che permetta agli africani di rimanere a casa e lavorare per lo sviluppo dei propri paesi. C’è stata consonanza con Macron su questi temi. Abbiamo sottolineato il valore dell’accordo tra Etiopia ed Eritrea. Abbiamo ringraziato il presidente per aver menzionato i corridoi umanitari come modello di immigrazione legale soprattutto per persone che hanno bisogno di protezione umanitaria. Questi canali presenti in Italia, Francia, Belgio e Andorra andranno allargati quando ci saranno crisi umanitarie, come quella siriana che purtroppo non accenna a diminuire”. E proprio Macron, ha continuato Impagliazzo, “ha menzionato i corridoi umanitari come un modello della politica di immigrazione legale, soprattutto per le persone che hanno bisogno di protezione umanitaria”.

L’attracco a Pozzallo della Maersk – Si è invece risolta la vicenda della nave portacontainer danese Alexander Maersk – ferma da venerdì scorso davanti alle coste ragusane con 108 migranti – attraccata nella notte nel porto di Pozzallo. Nella serata di lunedì, infatti, era arrivato il via libera all’approdo da parte del ministero dell’Interno, con soddisfazione del sindaco della città Roberto Ammatuna che aveva fatto appello proprio a Salvini chiedendo l’autorizzazione per motivi umanitari. I 108 migranti, prima di essere trasferiti sul cargo danese, erano stati tratti in salvo proprio dalla Lifeline.

Ähnliche Beiträge

Kommentare geschlossen.